Approfondimenti economici finanziari a cura di Spigarelli Mariano
Mariano Spigarelli dottore Commercialista

Seguici sui social network:

Twitter Facebook Google+ LinkedIn

Modulistica esportatori abituali

19 Gen2018

Quesito:

Un’azienda, in merito alla dichiarazione d’intento 2017 riguardante gli esportatori abituali, di cui alla nuova modulistica in vigore dal 1.3.2017, chiede se quando si fa riferimento al plafond 2017, si intende tutto l’anno o solo dal 1° marzo in avanti.

L’azienda ha inteso far riferimento al plafond di tutto l’anno, anche se alcuni fornitori hanno sollevato delle obiezioni.

Risposta:

La facoltà di acquistare beni/servizi senza applicazione dell’imposta può essere esercitata assumendo come plafond l’ammontare delle operazioni con l’estero registrate nell’anno solare precedente (plafond fisso o solare) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile o mensile).

La scelta del metodo di gestione del plafond è rimessa alla discrezionalità del soggetto passivo, esportato abituale.

A tal riguardo, l’art. 1, comma 1, lett. a) - Decreto legge 29/12/1983 n. 746 - Disposizioni urgenti in materia di imposta sul valore aggiunto – prevede, tra l’altro, che le disposizioni di cui alla lettera c) del primo comma e al secondo comma dell'art. 8 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, e successive modificazioni, si applicano a condizione, i contribuenti, ad eccezione di quelli che hanno iniziato l'attività da un periodo inferiore a dodici mesi, hanno facoltà di assumere come ammontare di riferimento, in ciascun mese, quello dei corrispettivi delle esportazioni fatte nei dodici mesi precedenti, se il relativo ammontare superi la predetta percentuale del volume di affari, come sopra determinato, dello stesso periodo di riferimento.

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 2.12.2016, ha approvato il nuovo modello per la dichiarazione d’intento di acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell’IVA, le relative istruzioni e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati.

Il nuovo modello ha semplicemente sostituito quello approvato con il provvedimento del 12.12.2014, modificato con provvedimento dell’11.2.2015.

Il nuovo modello è utilizzato per le lettere d’intento relative alle operazioni di acquisto da effettuare a partire dall’1.3.2017, per cui le operazioni da porre in essere sino al 28.2. 2017 richiedono l’utilizzo del vecchio modello.

Il modello non cambia però i parametri di riferimento, in altre parole, se l’esportatore abituale ha scelto di far riferimento al plafond costituito nell’anno solare precedente, lo stesso continua a far riferimento all’intero plafond dell’anno solare precedente e non a quello formatosi dal 1.3.2017.

Commenta l'articolo

Nome:

Email:

Commento:

Premi invio per andare a capo!
L'indirizzo email sarà visibile soltanto agli amministratori.

Invia